Welfare aziendale e Wellbeing

Per welfare aziendale si intendono tutte le iniziative che un datore di lavoro può intraprendere per migliorare il benessere del lavoratore e della sua famiglia. L’attivazione del welfare aziendale conviene in quanto consente di massimizzare il valore delle risorse che vengono stanziate dalle aziende, grazie al sostanziale azzeramento del prelievo fiscale e contributivo sui beni e servizi che vengono riconosciuti ai dipendenti.

Corrisponde, più in pratica, a un sistema di servizi a sostegno del collaboratore, con vantaggi fiscali sia per l’azienda che per il dipendente.
Virvelle Advance supporta le aziende che ne faranno richiesta, nell’attivazione di tutte le iniziative inerenti il welfare aziendale.
Perché serva davvero a migliorare il benessere dei lavoratori, un piano di welfare aziendale deve essere tarato sulle loro esigenze.

Analisi preliminare

Per questo il suo lancio deve essere preceduto da una prima fase di analisi, volta a determinare la composizione demografica del personale e i benefit attualmente erogati dall’azienda. Saranno poi individuati i benefit più importanti per i dipendenti al fine di renderli partecipi nel processo decisionale.

Una volta chiarite le esigenze, verrà identificato il partner attraverso il quale erogare i servizi di welfare.

Strumenti

È possibile inoltre definire piani di welfare all’interno degli accordi sulla produttività, consentendo ai lavoratori di scegliere la fruizione dei pacchetti di beni e servizi rientranti nella nozione in alternativa al pagamento del premio di produttività, senza perdere i benefici fiscali connessi.

Tra i possibili strumenti di welfare vi è l’erogazione di corsi extraprofessionali (articolo 51, comma 2, lettera f) del TUIR) di cui possono beneficiare i dipendenti ed i loro familiari anche se non fiscalmente a carico. Si tratta di corsi di formazione e istruzione e di servizi di orientamento allo studio che il datore di lavoro paga direttamente all’ente erogatore del servizio al posto del beneficiario in pieno regime di esenzione contributiva e fiscale.

Vantaggi e benefici

100 euro investiti in welfare aziendale, quindi, corrispondono a una spesa di 100 euro netti per l’azienda e a 100 euro spendibili per il dipendente.

Ma i vantaggi non sono legati solamente all’aspetto economico, rappresentando un beneficio concreto per tutte le parti in causa.

Vantaggi per i dipendenti:

  • Aumento del potere d’acquisto;
  • Maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata;
  • Miglioramento del clima aziendale;
  • Benessere per tutta la famiglia.

Vantaggi per l'azienda:

  • Risparmi sul costo del personale;
  • Diminuzione del tasso di turnover e di assenteismo;
  • Aumento della produttività;
  • Maggiore appeal sui candidati.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Scrivi a Roberto