Industria 4.0 e Credito d’imposta

Le aziende devono tendere costantemente all’innovazione.

La digital trasformation è una questione tecnologica e di competenze. Big data e data analytics, IoT, robotica e automazione, augmented and virtual reality, Artificial Intelligence stanno cambiano i modi di produrre, ma una produzione completamente automatizzata e interconnessa richiede un ripensamento del modus agendi et pensandi di tutte le risorse impiegate.

Il valore strategico della formazione

Con la Legge di Bilancio 2019 (Legge 145/2018), il Governo ha confermato, per l’anno 2019, l’incentivo fiscale Credito d’imposta Formazione 4.0, con l’intento di “stimolare gli investimenti delle imprese nella formazione del personale nelle materie aventi a oggetto le tecnologie rilevanti per il processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese previsto dal “Piano Nazionale Impresa 4.0”, cosiddette tecnologie abilitanti”.

Come funziona

Il Decreto Interministeriale 4 maggio 2018 riconosce un credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione, per tutte quelle aziende impegnate, nel corso dell’anno 2019, in attività di formazione finalizzate all’acquisizione o al consolidamento delle competenze nelle tecnologie rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese, ovvero:

  • big data e analisi dei dati
  • cloud e fog computing
  • cybersecurity
  • simulazione e sistemi cyberfisici
  • prototipazione rapida
  • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata
  • robotica avanzata e collaborativa
  • interfaccia uomo macchina
  • manifattura additiva
  • internet delle cose e delle macchine
  • integrazione digitale dei processi aziendali.

Sono ammissibili al credito d’imposta tutte le spese relative al personale dipendente impegnato, nelle attività di formazione in veste di discente, docente e/o tutor e coordinatore.

Il credito d’imposta è riconosciuto in misura proporzionale alla dimensione aziendale:

  • fino 50% dei costi aziendali sostenuti e nel limite massimo di € 300.000,00, in caso di piccola impresa;
  • fino al 40% dei costi aziendali sostenuti e nel limite massimo di € 300.000,00, in caso di media impresa;
  • fino al 30% dei costi aziendali sostenuti e nel limite massimo di € 200.000,00, in caso di grande impresa.

Sono altresì imputabili le spese previste per la revisione legale dei conti, fino ad un massimo di € 5.000,00.

Il credito d’imposta è cumulabile con i contributi ricevuti dall’impresa per i Piani formativi finanziati dai Fondi Interprofessionali.

Virvelle Advance: il partner del tuo business

Da sempre, la divisione Advance è al fianco delle aziende, che intendono avviare il proprio processo di digital trasformation.

Possiamo gestire tutti gli aspetti burocratici e amministrativi connessi alla richiesta e gestione del credito d’imposta, offrendo il nostro supporto anche nella progettazione e realizzazione di corsi su misura per te, in risposta alle esigenze di trasformazione digitale della tua azienda, cogliendo così tutti i vantaggi offerti dal MISE.

Contattaci. Ti offriremo una consulenza gratuita e senza impegno.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Scrivi a Roberto